Blog

Home  /  Come vendere su Amazon   /  Errate inserzioni Amazon | Cosa può succedere se l’abbinamento EAN è sbagliato

Errate inserzioni Amazon | Cosa può succedere se l’abbinamento EAN è sbagliato

Cosa succede se viene pubblicata una inserzione abbinandola con l’EAN a una inserzione diversa.

Errate inserzioni Amazon. Una settimana fa era domenica pomeriggio, ero a casa e guardando di sfuggita il telefonino, noto nelle notifiche due ordini identici e come mia abitudine vado subito a controllare. In ochi minuti accendo il computer, controllo il back end di Amazon e l’inserzione rilevo l’errore: un nostro prodotto (mollette a 1,51 €) è stato abbinato a una inserzione di un set di 5 padelle.

Nel frattempo vedo che continuano ad entrare ordini…, ma non capisco quanti.

Dalle 15,59, orario del primo ordine, alle 16.14 minuti chiudo l’inserzione in tutti i Paesi, anche se il problema era solo in Italia. Ebbene, in soli 15 minuti sono entrati ben 213 ordini, a causa delle errate inserzioni Amazon che si erano generate.

L’indomani mattina in ufficio ci siamo organizzati per contattare tutti i clienti, telefonicamente uno ad uno, per spiegare a voce l’accaduto e far capire che si è trattato un errore di errate inserzioni Amazon.

Alla fine delle chiamate, tutti gli ordini sono stati annullati in comune accordo con i clienti, che hanno capito e nessuno ha rilasciato feedback negativo.

Questa esperienza di errate inserzioni Amazon ci ha fatto capire alcune cose:

  • risulta importantissimo controllare il corretto abbinamento inserzioni
  • se c’è una differenza di prezzo troppo elevata, probabilmente c’è un errore
  • esistono dei gruppi, sopratutto su Facebook che amplificano la notizie di inserzioni convenienti/errate. Questi gruppi hanno decine di migliaia di followers.
  • la cosa migliore è risolverlo dicendo la verità, non scrivendo ma telefonando ai clienti, anche se è una attività molto onerosa

Su Amazon non si può improvvisare niente; è necessaria la massima attenzione eprofessionalità nella gestione dell’attività commerciale, per evitare errate inserzioni Amazon, problemi di performance e feedback negativi dei clienti.

Lo store Glooke Marketplace di Amazon

 

Vedi tutti gli articoli del Blog

Come vendere nei marketplace - Gianluca Pellegrinelli

pellegrinelli@glooke.com

Nato a Mantova il 3 maggio 1964 e diplomato come perito elettrotecnico, inizia la sua prima esperienza lavorativa, nel 1984 come commerciale in una agenzia IBM. Successive esperienze commerciali in P&G (7 anni), Montenegro (1 anno) e Tecnica (4 anni) e poi come amministratore delegato di Intersport Italia (4 anni) e infine di Briko spa (3 anni). Ha pensato e creato due startup web, nel 2007 Galileo, un B2B innovativo per contenuti e funzionalità e nel 2012 Truckpooling, il principale comparatore online per spedire merci. Nel 2002 inizia la sua avventura di imprenditore in provincia di Treviso nel commercio al dettaglio di articoli sportivi e subito dopo, nel 2003 con la vendita online nella quale ha maturato ad oggi più di 14 anni di esperienza. Tra i vari siti e-commerce del suo gruppo il principale è Glooke Marketplace ( https://www.glooke.com ), il centro commerciale online con più di 120.000 prodotti praticamente di tutte le merceologie, incluso l’alimentare. Glooke Marketplace vende in 120 Paesi ed ha identificazione fiscale diretta in UK, DE, FR e ES, oltre ad avere circa 20 account nei principali marketplace a livello mondiale. Esperto di Marketplace, è consulente di Ebay e di Confcommercio per le quali ha seguito il progetto “eBay adotta l’Aquila”. Sempre per eBay e Confcommercio si occupa su base continuativa di formazione ed avvio al business online di aziende.

Lascia un commento